Prendersi cura del proprio giardino non è mai stato così divertente: parliamo del trattorino tagliaerba

Prendersi cura del proprio giardino non è mai stato così divertente: parliamo del trattorino tagliaerba

Come suggerisce il nome, il trattorino tagliaerba è un macchinario a guida manuale utilissimo per tosare prati di grandi dimensioni e prendersi cura di parchi e giardini piuttosto grandi. Al contrario di qualsiasi altro metodo per tagliare l’erba, l’uso del trattorino non richiede alcuni sforzo fisico e non è necessaria alcuna particolare abilità o licenza per essere in grado di guidarlo.

Una volta saliti a bordo ed avviato il motore, tutto quello che dovrete fare sarà semplicemente guidare in giro per il giardino cercando di non lasciare zone con erba più alta o incolta. Piuttosto divertente no?

Chiaramente è molto importante che i bambini stiano lontani da questo attrezzo per non rischiare di avviarlo accidentalmente o di venire investiti mentre lavorate. Certamente il trattorino tagliaerba è un mezzo utile e comodo per prendersi cura del proprio giardino in modo semplice e veloce, ma va usato con attenzione e richiede una manutenzione periodica per evitare danni al motore o alle lame.

Trattorino vs robot: zero sforzi

Con tutti i nuovi strumenti per la cura del giardino spesso si rischia di fare confusione o di non riuscire ad individuare gli usi più adatti di ogni mezzo. Vediamo insieme le principali differenze tra trattorino e robot tagliaerba.

Innanzitutto, il entrambi i casi l’intervento umano è minimo: vero, bisogna che il trattorino venga guidato da qualcuno, ma la fatica fisica e lo sforzo necessario sono davvero ridotti.

Il robot tagliaerba, invece, è in grado di tosare il prato in completa autonomia: in alcuni casi sarà necessario posare a mano il filo perimetrale in modo da creare un percorso che il robot possa seguire, ma, anche in questo caso, lo sforzo è minimo.

Quando usare uno e quando usare l’altro?

Nonostante entrambi riducano al minimo gli sforzi necessari per la cura del prato, robot e trattorino non vengono utilizzati nelle stesse circostanze. Il robot tagliaerba è indicato per giardini di medie dimensioni, soprattutto per via della sua autonomia limitata.

Grazie alle ruote motrici e al filo perimetrale è in grado di prendersi cura di prati scoscesi o sconnessi, ma difficilmente raggiungerà il livello di risultati ottenibile con un trattorino.

I trattorini tosaerba, infatti, oltre ad essere guidati a mano (e niente batte l’occhio umano nell’identificazione di macchie di erba alta), è in grado di tosare con precisione millimetrica prati e parchi di dimensioni notevoli.

Per contro, il trattorino non è adatto alla cura del dettaglio o al perfezionamento dei bordi e di angoli stretti del giardino: in questi casi, un robot di piccole dimensioni sarà in grado di insinuarsi anche nelle zone più difficili da raggiungere e di tosare tutto il prato in maniera omogenea.

Cura del giardino nel rispetto della natura sono necessari gli strumenti adeguati: la cippatrice

Cura del giardino nel rispetto della natura sono necessari gli strumenti adeguati: la cippatrice

Avere un giardino grande è sinonimo di molto lavoro e responsabilità, ma significa anche avere la possibilità di lavorare a contatto con la natura, di potersi ritagliare uno spazio per se’ stessi da trascorrere impegnati con lavori manuali e di doversi sporcare ed impegnare per vedere dei risultati.

Chiaramente il giardinaggio non è per tutti, c’è chi non è nemmeno in grado di prendersi cura di pochi vasetti di piante e fiori sul davanzale mentre altri hanno il pollice verde e, dopo una giornata in ufficio, trovano rilassante potersi dedicare alla cura del proprio giardino.

Ma come tutte le passioni, l’amore per il giardinaggio può crescere con il tempo e vedrete che non appena inizierete a notare i primi miglioramenti e risultati verrete contagiati dalla passione per i lavori all’aria aperta.

Il giardinaggio: un insieme di molti elementi e passioni

Il giardinaggio comprende un gran numero di attività: tagliare l’erba, potare le piante, sistemare o costruire staccionate o piccoli sentieri, prendersi cura dei fiori e degli alberi da frutto e molte altre ancora che dipendono dalla conformazione di ogni giardino.

Avere un giardino curato significa anche poter lasciare i bambini giocare e correre all’aperto e organizzare festicciole per i loro amici, o anche magari installare un bel barbecue per passare delle serate piacevoli in compagnia all’aria aperta con amici e familiari.

Insomma avere un giardino curato è gradevole alla vista e permette di passare molto più tempo all’aria aperta, ma per prendersene cura come si deve sono necessari gli strumenti adeguati.

Per tagliare l’erba dovrete munirvi di un robottino o di un tagliaerba manuale, per le piante serviranno delle cesoie e un decespugliatore, e per tutti i resti di rami, erba e foglie che rimarranno a terra una volta che avrete finito è necessario una cippatrice.

E’ davvero necessario?

In alcuni casi, lo strumento che utilizzate per tagliare l’erba, specialmente i robottini, sono dotati della funzione mulching che permette di raccogliere ed immagazzinare direttamente l’erba tagliata e di ridistribuirla sul suolo una volta sminuzzata e trasformata in concime e fertilizzante.

Qualora gli strumenti in vostro possesso non includessero quest’opzione, vi ritroverete di fronte al dubbio di come smaltire gli scarti in eccesso. Potete semplicemente gettarli via, oppure potreste approfittarne e riciclarli come concime naturale per il vostro giardino.

Lo strumento che rende quest’opzione possibile è la cippatrice: questo attrezzo a motore o elettrico è in grado di triturare verde e ramaglie con delle lame o con un rullo e di ridurle in fertilizzante cento percento naturale. Se siete degli appassionati di giardinaggio, dovreste seriamente pensare alla possibilità di acquistare un biotrituratore per perfezionare e migliorare la cura del vostro verde.

Giochi per bambini: perché optare per il fai-da-te?

Giochi per bambini: perché optare per il fai-da-te?

Si sa che la fantasia dei bambini non ha limiti e che, da soli o in compagnia, potrebbero passare intere giornate a creare ed inventare nuovi modi per giocare e divertirsi. Si sa anche che il mondo dei giocattoli per bambini è un business che sforna nuove idee ad una velocità vertiginosa e che, con la stessa velocità, fa salire i prezzi dei prodotti.

Molto spesso ci troviamo a voler acquistare un regalo di compleanno o di Natale per i nostri bambini, i nostri nipoti o i figli di amici e ci troviamo sbalorditi a fissare numeri a tre cifre. Di principio, spendere somme esagerate per dei giocattoli che verranno usati due o tre volte prima di finire nel dimenticatoio sembra uno spreco.

I bimbi crescono in fretta e i loro gusti ed interessi mutano ed evolvono prima che noi ce ne rendiamo conto, quindi i giochi e gli accessori devono essere costantemente sostituiti per tenere il passo con i loro progressi.

La soluzione contro gli sprechi e i costi eccessivi

Una soluzione semplice e divertente per evitare di spendere cifre eccessive per acquistare giochi per bambini è il fai-da-te. In questo caso, fai-da-te può avere due significati: può implicare che voi (genitori, amici, zii ecc.) prepariate il regalo con le vostre mani, o che creiate qualcosa che il bimbo stesso debba costruire.

Chiaramente, il fatto di coinvolgere o meno il bambino nella realizzazione dei giochi dipende dalla sua età e dalle sue capacità, ma se fosse sufficientemente grande per potervi aiutare non esitate a lasciargli fare la sua parte.

Molto spesso per i bambini è più divertente creare e costruire piuttosto che giocare con il prodotto finito, perciò selezionate con cura i materiali, assicuratevi che non ci siano elementi con cui il bimbo potrebbe farsi del male o che potrebbe ingerire e dateci dentro!

Tutto si può riciclare e trasformare: ecco i mille usi delle scatole di cartone

Per costruire o organizzare dei giochi fai-da-te bastano pochi elementi: colori, scatole di cartone riciclate, colla, carta e tanta fantasia. Se siete particolarmente capaci potreste cimentarvi nella creazione di peluche fatti a mano, ma se non foste in grado ci sono moltissime altre soluzioni semplici e divertenti.

Le scatole di cartone rappresentano uno strumento fondamentale: possono essere trasformate in casette per le bambole, in cucine, in fortini e in casette per i bambini, basterà tagliarle e decorarle nella maniera più adeguata.

Quando i bambini (in questo caso soprattutto le bambine) sono più grandicelli, potreste lanciarvi nella creazione di braccialetti, collane e gioielli di tutti i tipi. Basteranno un filo e delle perline colorate o dei ciondoli neutri da colorare con tempere e pennelli.

Rimedi di bellezza: per essere sempre pronte a tutto

Rimedi di bellezza: per essere sempre pronte a tutto

Prendersi cura del proprio corpo, dei capelli, del viso e delle mani richiede tempo e pazienza; inoltre, affidarsi alle cure di estetiste e massaggiatrici è piuttosto costoso e non è sempre possibile prenotare un appuntamento all’ultimo momento qualora saltasse fuori un impegno imprevisto.

Per questo motivo è importante conoscere qualche trucchetto facile e veloce che vi possa aiutare ad essere sempre pronte e presentabili per qualsiasi evenienza.

I rimedi di bellezza “do it yourself” (fai-da-te) che siamo per scoprire insieme non necessitano di ingredienti o preparazioni particolari e ciò che avete nella vostra cucina o nel vostro bagno dovrebbe essere sufficiente: non sottovalutate l’efficacia di questi rimedi economici e veloci, e poi, provare non costa nulla no?

Come ottenere una pelle liscia e vellutata?

Quando parliamo di pelle dobbiamo distinguere tra la pelle del viso, del corpo, delle mani e dei piedi; d’altra parte, anche le creme e le lozioni che si trovano in commercio spesso sono specifiche per diversi usi e per le varie parti del corpo.

Partiamo dal viso: le maschere da viso si differenziano a seconda della vostra tipologia di pelle, occhio a non confonderle. Per pelli secche, è consigliato mischiare mezzo vasetto di miele con mezzo vasetto di yogurt; il composto va tenuto sul viso per una quindicina di minuti prima di rimuoverlo delicatamente.

Per pelli grasse, invece, mischiate due cucchiai di farina di avena, uno di miele e mezzo di limone (i tempi di posa sono gli stessi). Infine, per una maschera esfoliante, frantumate una pastiglia di aspirina e mischiatela con qualche goccia di acqua di rose: i movimenti circolari con cui andrete ad applicarla sul volto funzioneranno da scrub e rimuoveranno le impurità.

Mani e piedi richiedono un trattamento diverso: per le prime unite del limone a dell’olio d’oliva, fate un impacco coperto con della pellicola e lasciate riposare per venti minuti circa; per i secondi, invece, mischiate acqua calda, bicarbonato e sale grosso e lasciateli in ammollo; solo successivamente applicate un impacco di olio d’oliva sempre per venti minuti.

Occhi, labbra e capelli: non lasciate nulla al caso

Una pelle liscia e vellutata non può certo distogliere l’attenzione da delle occhiaie nere, da labbra screpolate o da capelli unti. Ma non vi preoccupate, a tutto c’è rimedio: per disfarvi delle occhiaie e delle borse sotto gli occhi basta immergere delle bustine di tè verde o di camomilla in acqua fredda e applicarle poi sugli occhi per circa un quarto d’ora.

Per donare vigore alle vostre labbra potete applicare un miniscrub di miele e zucchero che, una volta strofinato delicatamente, vi libererà di pellicine e imperfezioni. Infine, se all’ultimo momento non avete tempo di correre a lavarvi i capelli, potete tentare di migliorare la situazione applicando del borotalco per dieci minuti (funziona come uno shampoo secco assorbendo parte dell’unto): spazzolatelo poi fino a quando vi sarete liberati della polvere in eccesso e optate per un’acconciatura raccolta che mascheri lo stato dei capelli.